Il punto della situazione

Noto che è passata più di una settimana dal mio ultimo post.

Non mi è già passata la voglia di scrivere, al contrario, ma sono ricaduto in una delle mie tante ossessioni. E cioè il voler andare a spulciare tutti i vecchi siti del passato, estrarne gli articoli migliori (o comunque quelli che più mi hanno colpito) e riportarli anche qui. Nessuna voglia passata quindi, ma voglia di passato. Il fatto è che, a spanne, sto parlando di almeno un migliaio di post, più o meno interessanti ma da vagliare singolarmente con cura certosina (sia mai che me ne sfugga uno, eh!)

Una volta facevo così, lavoravo per mesi sull'aspetto grafico di un sito e alla fine, quando potevo finalmente dire «oh, ho finito!» mi stancavo e ne facevo un altro. Probabilmente, anche se razionalmente non arriverò mai ad ammetterlo, è proprio quello che mi piace, il viaggio, non la destinazione.

Oggi che ho raggiunto quell'età in cui si dà maggior risalto ad aspetti più concreti (non per niente si scomoda spesso il termine 'saggezza', 'maturità' e altre cose che io non avrò mai), sento che questo blog potrebbe essere il mio guscio definitivo (al peggio cambio tema che è quasi come cambiare tutto). Di conseguenza avverto anche la necessità di accorpare tutto, di avere il meglio del meglio del meglio del mio peggio ammassato in un unico calderone. E questo fa parte di un altro nutrito insieme di mie manie, ma forse ne parlerò un'altra volta, che sembro già abbastanza strano così.

Ecco, in questi giorni sto riversando decennali cazzate (ma anche cose davvero belle, scritte da altri però) a pagina 2.

Perché a pagina 2? Perché mi è più comodo così, sono partito dal 20027Perché l'attuale sito in corso di indagine (Only Words), che è anche il più corposo, è partito nel 2002; poi arriveranno anche gli altri, che sono ancora più datati. e sto viaggiando nel futuro a velocità stellare, così l'articolo più recente (tra quelli vecchi) è sempre a pagina 2, gli altri scivolano indietro.

Non c'è una logica complicata dietro, sono un animaletto semplice io. Se partissi dal più vicino e procedessi a ritroso, ritroverei l'articolo nell'ultima pagina e dovrei sudare sette camicie per navigare fin là (per controllare che sia impaginato bene, che non ci siano errori ortografici o sintattici8Che poi ci saranno lo stesso ma vabbè., o tag non a norma, eccetera eccetera).

Ho anche creato una pagina Anno Zero9Che è raggiungibile dal menu sù in alto. che, al termine dei lavori, rappresenterà l'esatto punto di contatto tra il passato e il futuro di questa mia attuale avventura. Funziona già anche adesso ma, ovviamente, molto passato deve ancora accadere.

Ho scritto il termine 'passato' un po' troppe volte nell'articolo, che poi mi ricorda sempre quello di verdura che non mi piace per niente. Non so perché, comincio a immaginare cubetti mollicci color pastello e coriandoli simil-alga che nuotano in superficie e penso che un'aglio e olio li straccerebbe 7 a 0. Con peperoncino molto abbondante però, altrimenti come ci si diverte al bagno il giorno dopo? :)

Aggiornamento: 10 Febbraio 2014

Ho finito l'importazione degli articoli.

Da oggi in poi mi muoverò solo avanti nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »