Millennium Table (habemus Papam)

Millennium Table cover

Sin dall’annuncio del nuovo mastodontico Lego Millennium Falcon, la mia più grande preoccupazione non è stata tanto il prezzo1 quanto il luogo in cui esporlo.
Parliamo di qualcosa lungo quasi un metro e largo mezzo, per cui una semplice mensola o una vetrinetta classica non sarebbero in grado di contenerlo.

Questo articolo nasce con l’intenzione di tenere traccia delle estenuanti elucubrazioni mentali e le nottate insonni passate a sperimentare possibili soluzioni.

Supporto verticale

L’idea di esporre il Millennium quasi verticalmente mi piace molto, restituisce un senso di dinamicità e movimento. Purtroppo a mia disposizione ho soltanto alcune librerie Billy di Ikea, con ante in vetro. La profondità dei ripiani è però appena 30 centimetri, il che significa dover forzatamente dare un’angolazione alla navicella di quasi 90°.

Un deciso aiuto in tal senso è arrivato da un utente di nome Efferman, che ha progettato un paio di stand verticali con differenti inclinazioni:

Lo stand di Efferman (versione 2)
Lo stand di Efferman (versione 2)

Col suo secondo prototipo c’eravamo quasi. Nella parte sinistra del rendering, in rosso, ci sono le dimensioni del Billy e, nonostante sul supporto sia montato soltanto lo scheletro del Millennium, ad occhio e croce dovrebbe rientrare nell’angusto spazio.
Pensavo di aver risolto ma mi sono poi accorto che il Billy ha una larghezza di circa 80 centrimetri, mentre il Falcon è lungo 83.
Quindi, oltre a doverlo inclinare, bisognerebbe anche ruotarlo leggermente lungo l’asse Z, in modo che il “muso” sia orientato in direzione nord-ovest per capirci.

Esperimenti con le inclinazioni
Esperimenti con le inclinazioni

Lottando con(tro) il Digital Designer2 ho tirato fuori questo mezzo aborto. In sostanza le due strutture grigie, che si agganciano direttamente allo scheletro portante del Falcon, vengono connesse a una nuova struttura collegata alla base con un angolo di circa 30°.
Per quanto l’accrocchio (che nel progetto è solo abozzato) dovrebbe avere una resistenza sufficiente a reggere i circa 14 Kg del Millennium, capite da soli che stiamo arrancando nella pura fantascienza: tutti quei pezzi, e altri ancora che sicuramente serviranno, costerebbero qualche centinaio di euro, il tutto senza avere la minima certezza che poi il tutto rientrerà nei limiti della libreria.

Inoltre, adottando questa soluzione, è necessario rimuovere quattro dei cinque sette3 carrelli di atterraggio.

È vero che in volo sarebbero retratti ma li trovo ben fatti e li vorrei comunque lasciare (anche se apparentemente sembra sia molto semplice sganciarli e riagganciarli).

Ho pertanto accantonato tutto e sono passato al…

Tavolino

La prima idea che mi è venuta in mente: un mobiletto in legno e vetro, posizionato fra TV e divano, in modo da tenere la navetta Corelliana in perenne esposizione. Purtroppo non esistono, almeno qui da noi, tavolini dotati delle corrette misure. Sant’Ikea questa volta non ha tramutato i desideri in segatura compressa.

Versione 1

E allora costruiamolo!” ha esclamato l’ingenuo contadinotto che è in me. Progetta, disegna, modifica, ridisegna sono arrivato a una soluzione che ritenevo esteticamente piacevole:

I componenti
I componenti
Il progetto
Il progetto

L’idea di base era che il tutto fosse supportato da quattro grandi zampe a base quadrata. Con vetrate ai lati e una grande lastra in cristallo incastonata e sorretta dalle stesse.

Ho presentato il progetto a due falegnami della mia zona e in breve tempo sono arrivati i preventivi, perfettamente allineati: 1000 euro!
Apparentemente negli ultimi anni il vetro ha raggiunto valutazioni degne dell’oro, e gran parte del costo è imputabile a lui. Manodopera, legno pregiato, meccanismo per il cassetto inferiore hanno contribuito a far decollare il prezzo fino a dove nemmeno il Millennium Falcon Lego oserebbe volare..

In linea generale non avrei problemi a fare una pazzia se vedessi qualcosa di bellissimo ma, esattamente come lo stand di cui sopra, è qualcosa che riuscirei a vedere solo una volta realizzato e, se poi per qualche ragione non dovesse piacermi, sarei fregato.

Questo è il punto esatto in cui ho cominciato a valutare l’esposizione verticale. Ma poi, come sappiamo, sono tornato qui.

Versione 2

Oggi ho immaginato un nuovo tavolino, molto più semplice del precedente. Siccome ero troppo pigro per mettermi a disegnare, il prototipo l’ho realizzato col Lego.

Tavolino in miniatura
Tavolino in miniatura

Sostanzialmente è una scatola con un paio di aperture laterali opzionali per far passare un po’ di luce (dipenderà dal prezzo del dannato vetro) e un solo cristallo superiore removibile, incastonato a gravità nel legno come nel progetto precedente.

Sì, quello dentro è il Millennium Falcon. ;)
Sì, quello dentro è il Millennium Falcon. ;)
Pannello laterale removibile
Pannello laterale removibile

Una delle pareti frontali potrà essere sganciata (pensavo a un meccanismo con potenti calamite4) in modo da poter effettuare veloci modifiche senza ogni volta dover mettere mano al vetro superiore.

La soluzione

Inaspettatamente, quando ormai cominciavo ad annaspare nella disperazione, cosa ti va a scoprire Mian su subito.it?

Predestinazione
Predestinazione

La cosa incredibile è che non solo è proprio quello che avrei voluto, ovvero un tavolino con luce su tutti i lati, ma le misure sono perfette per il Millennium Falcon!

Contatto il venditore, che fortunatamente abita a pochi chilometri da casa mia, e concordo un incontro. Apparentemente si tratta di un tavolino espositore degli anni ’40 o ’50, di provenienza indiana. Probabilmente un falegname molto previdente aveva già intuito, quasi 80 anni fa, che prima o poi qualcuno avrebbe progettato qualcosa che si sarebbe adattato alla perfezione alla sua creazione. :)

Preso
Preso!

Diciamo che mostra i segni di qualche piccola battaglia. Il vetro e il legno presentano alcuni graffietti, uno spigolo del cristallo è leggermente spuntato, c’è qualche segno di stucco qui e là e una riparazione vicino a una cerniera dello sportello laterale.

Ma, hey, fosse stato in condizioni perfette altro che i 1000 euro chiesti dai Mynock falegnami del primo preventivo!

Perfetto!
Perfetto!

Nei giorni scorsi ho ritagliato una sagoma di cartone, per cominciare ad avere un’idea delle dimensioni finali del Falcon. Beh, giudicate voi…

Nota per il futuro: pulire bene il vetro prima di scattare foto
Nota per il futuro: pulire bene il vetro prima di scattare foto

Bene, un altro capitolo può essere felicemente archiviato.
Considerando che il Millennium Falcon è tecnicamente un regalo di Natale (già a casa, ma ancora sigillato), ora ci sarà solo da aspettare.

Oppure ottenere qualche sorta di permesso speciale. :D


  1. L’ho aspettato per dieci anni, capirai cosa saranno ottocrrrgghhlll!!

  2. che, non essendo più supportato da Lego che l’ha creato, va in crash ogni tre per due quando si smanetta con interconnessioni avanzate.

  3. A onor di cronaca c’è da dire che nel primo film (una nuova speranza) il MF aveva cinque carrelli, aumentati poi a sette nei film successivi.

  4. Ignorate il pirolino nero e rosso, l’ho aggiunto per tener ferma la parete perché mi si smontava sempre tutto in mano; ovviamente nel tavolino finale non ci sarà. ;)

Aggiungi un commento

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.