Scassinatore contínuasi a offrire… (2.0)

Quando si parte per una nuova Avventura, è sempre buona norma portare con sé il fazzoletto, un sacchetto di ottima Erba Pipa1Consiglio caldamente varietà rinomate, tipiche della Contea e dintorni, quali la Stella del Sudil Vecchio Tobia oppure la Foglia di Pianilungone. – naturalmente anche la pipa! – ma, soprattutto, preservare l'integrità di tutti i propri beni: vuoi quelli che porteremo con noi, vuoi tutto ciò che lasceremo indietro, stipulando un solido contratto assicurativo con una società rispettabile e affidabile.

Bilbo questo non lo ha fatto, e sappiamo bene tutti i guai nei quali è incorso quando ha finalmente fatto ritorno nella Contea, dopo il suo lungo viaggio fino a Erebor.

Non lo faremo nemmeno noi, non oggi almeno; anche perché non mi è giunta alcuna voce di draghi di fuoco, usurpatori di Montagne Solitarie; e anche le montagne solitarie al giorno d'oggi sono piuttosto rare.

Parleremo però di contratti: non particolarmente convenienti, con qualche clausola un po' capestro, e cose così; ma, si sa, con i Nani non si può andare mai troppo per il sottile, perché perdono subito la pazienza e maneggiano grandi ascie.

La prima versione del Contratto(ne)

Quasi tre anni fa mi sono messo in mente di realizzare un gigantesco contratto, idealmente concordato tra il signor Bilbo Baggins e i tredici Nani della Compagnia di Thorin Scudodiquercia, nel quale si stabiliva in maniera molto particolareggiata disposizioni fondamentali, quali ad esempio la ripartizione di eventuali tesori rinvenuti o le principali norme comportamentali alle quali i membri della missione si sarebbero dovuti attenere.

Mi sono in gran parte ispirato al divertente documento mostrato nel primo film dello Hobbit di Peter Jackson ma, dal momento che in origine si trattava di un oggetto di scena, non brillava particolarmente per i contenuti, che erano in alcuni punti ripetuti. Inoltre, da nazionalista convinto, l'ho voluto tradurre in italiano e, col tempo, ho aggiunto molti più argomenti divertenti.

Sono sempre stato orgoglioso di questa mia pazza creazione, che ha richiesto non solo una lunga gestazione ideologica, ma altrettanta pazienza e una considerevole quantità di tempo per vederla finalmente realizzata.

Non era però proprio come volevo. Mi piaceva, certo, ma dentro di me sapevo che avrebbe meritato maggiore impegno. E così, nelle ultime settimane, c'ho rimesso mano; ed è nato il nuovo Contratto(ne) da Scassinatore. Che naturalmente da oggi sostituirà il precedente.

Non starò qui a spiegare ogni singolo dettaglio, il vecchio articolo è piuttosto esaudente in merito e non ho intenzione di ripetermi. Quello che farò sarà invece un minuzioso confronto all'americana: cosa ho migliorato e perché l'ho migliorato.

Bene, andiamo a cominciare…

Il primo Contrattone è (volutamente) gargantuesco.2Adoro quando riesco a utilizzare questo termine. :) Misura, una volta aperto, circa 170 centimetri di altezza e 70 di larghezza, il che mi ha spesso dato grossi grattacapi su come poterlo esporre. Quello nuovo è circa la metà: 83 x 48 centimetri.

Ecco qui una comparazione schematica (li ho ruotati di novanta gradi verso sinistra, per comodità):

Come possiamo vedere, a una prima occhiata, il nuovo Contratto(ne) è sostanzialmente la metà del precedente.

"Ah vabbè, lo hai ridotto… hai creato una versione Mini con meno informazioni!"

Uno che passava per caso

Nì.

Cioè, sì, ho chiaramente ridotto il numero di pagine e, di conseguenza, le dimensioni; ma non ho tolto proprio nulla. Anzi!

Per quanto strano possa sembrare, il nuovo documento non solo ha esattamente lo stesso testo del precedente, ma le dimensioni dei caratteri sono addirittura più grandi. E c'è pure del testo in più! E una mappa!

Ma come è possibile? È sicuramente magia!!

Un altro tizio che passava di lì

Sì, è magia!

No, non è magia.

Semplicemente il primo contratto era stampato su un lato solo. Se lo giravi, mostrava una superficie completamente bianca. Non solo era esteticamente meh, ma era anche un inutile spreco di cartoncino, cuciture e tempo per realizzarlo. Il nuovo ha un fronte e un retro, è più maneggiabile e, come vedremo tra poco, immensamente più bello.

Siccome sono consapevole dei limiti del mio vecchio iPhone, d'ora in avanti i confronti li farò direttamente sui file digitali, così sarà tutto maggiormente definito.

Nuovo contrattone a sinistra, vecchio a destra

Allora, tanto per cominciare, via lo sfondo di carta invecchiata simil-papiro che sa troppo di vecchio e toglie visibilità. Inoltre, non avere troppe distrazioni visive rende le scritte più leggibili e definite. Infine, col tempo, la carta invecchierà naturalmente, assumendo una colorazione più realistica.

Osserviamo un ingrandimento della prima pagina:

versione 1
Versione 2

Il testo dei commenti alle clausole, che prima aveva dimensioni inconsistenti ed era spesso davvero troppo minuscolo da leggere agevolmente, è adesso più grande. Invece di un font già bello e pronto, ora le lettere sono vergate a mano, lavoro che mi ha portato al limite della follia (immagina otto pagine in formato A4 da scrivere fitte fitte). Ho spudoratamente copiato lo stile del contratto originale inglese, che è meraviglioso. Ho poi aggiunto abbellimenti e piccoli virtuosismi grafici qui e là, per dare un po' di dinamicità al tutto. Le scritte rosse ora non sono più rosse e basta: sono tracciate con pennino d'oca (o Aquila?) intinto in qualche sorta di inchiostro sicuramente composto col sangue di disgraziate creature non particolarmente care al Popolo Sotto le Montagne. Qualcosa su cui né tu, né io, intendiamo indagare.

Scrittura a mano

Per finire, guarda quanto sono belle adesso tutte le macchie di sporco e umidità (più avanti ci saranno anche altre piccole sorprese, come sangue, birra, vino e schizzi di altre cose su cui sarà meglio sorvolare).

Oh, chiaramente è tutto stampato. Non ho messo schifezze sopra i fogli! :)

Veniamo adesso alla complessità dell'impostazione grafica (ho tolto il lerciume dal vecchio, così su sfondo bianco si vede meglio):

Versione 1
Versione 2

Il confronto è piuttosto impietoso. Osserviamo le prime pagine: mentre il vecchio Contratto(ne) appare sostanzialmente come un lungo elenco di punti, quello nuovo mostra chiaramente la contorta perfidia giuridica nanesca, con voci, note, appendici e commenti che si incastrano le une negli altri in una sorta di tetris testuale sul quale ho sbattuto svariate volte la testa per far quadrare tutto.

Ho anche inserito numerosi elementi grafici per separare le varie sezioni, cercando di mantenere uno stile arzigogolato ma coerente.

Un altro problema, che da sempre affliggeva la precedente incarnazione, era la sovrapposizione dei caratteri, che a volte rendeva confusa la lettura:

Il vecchio Contratto(ne)

Odiavo quanto le lettere con le estensioni più lunghe (g, p, l, d…) finissero con il coprire quelle delle righe inferiori; ma con i font predefiniti non c'era alcuna possibilità di controllo (se non lasciare degli antiestetici spazi). Con il nuovo mi sono assicurato che ciò non avvenisse mai, anche inventandomi curiose variazioni stilistiche (si vede nell'angolino a destra, nell'immagine sopra).

La piegatura

Anche la piegatura, praticamente a fisarmonica, del precedente contratto non mi ha mai fatto impazzire, era troppo semplice e banale. Con questo me ne sono inventata (in modo del tutto casuale, lo ammetto, proprio mentre lo mostravo a Mian e le dicevo "non voglio fare quella piegatura noiosissima") una molto più fantasiosa; che, anche da chiuso, rivela un interessante intreccio di elementi su più strati, rendendolo vivo e dinamico.

La cera(lacca) che non c'era

Infine ho sperimentato con la ceralacca, perché un documento antico non è un documento antico se non possiede un infallibile (per l’epoca) sistema per evitare manomissioni.3Sarebbe troppo facile, altrimenti, rimuovere le cuciture e sostituire alcune pagine con altre; anche se alla fine basterebbe rimettere la cer… vabbè, lasciamo stare. ;P

Come dicevo, ho dimezzato le pagine ma raddoppiato lo spazio. Però ho anche ingrandito i caratteri e aggiunto nuovo testo non presente nel precedente, come per esempio questo:

Ma è impossibile, non puoi creare spazio dal nulla!

Una casalinga di ritorno dal Conad

Eh già. Mi sa che è proprio magia. Altrimenti come avrei fatto a infilarci dentro pure una parte della mappa di Erebor4In realtà non è la stessa di quella di Thrór, visto che lui ci aveva aggiunto l'indicazione della porta nascosta, qui non presente. pasticciata dai Nani (e sulla quale, a giudicare dai segni dei boccali, si sono soffermati a lungo, manifestando senza remore i propri intenti nei confronti del povero Smaug)??

Una spiegazione io non ce l'ho. Però c'è stato tutto! :)

Ma allora sei mmago!

Il cuggino di Diego Abatantuono

Oppobbacco! Forse so' proprio mmago!

Come sempre, al termine di un nuovo progetto, ho gettato al vento una marea di ottima (e costosa) carta, inchiostro, ore e olio di gomito. Però anche loro, quei poveri piccoli pezzettini di contratto, hanno contribuito alla sua forma finale, e meritano pertanto tutto il nostro rispetto. Magari comincerò a metterne dentro qualcuno negli ordini delle mappe, come piccolo omaggio extra (anche perché io li butterei). :)

Ho realizzato questo (scarsissimo) video per mostrare le varie fasi di creazione del Contrattone:

C'è anche questo articolo testuale. Si riferisce al vecchio Contratto(ne), ma tutto sommato (tranne la parte della ceralacca) va bene anche per questo.

Se desideri averne una copia, posso realizzartela su ordinazione.

P.S. Per i pignolini precisetti: ok, la seconda aletta del vecchio contratto era un pochino più piccola dell'altra, per cui un po' di spazio in più è uscito da lì.

P.P.S. Gne gne gne… ;)

2 pensieri su “Scassinatore contínuasi a offrire… (2.0)

  1. Bello. Ma quando mi metto a leggere il vecchio contrattone che aperto tocca terra mi viene sempre un sorriso pensando alla scena di Bilbo.

    1. Volendo anche questo si può assemblare come l'altro, basta stampare tutto su un solo lato (e raddoppiare le alette).
      Ma piccolino (vabbè, piccolino… è comunque quasi un metro!) e super compatto mi piace di più. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »