Il tesoro dei Nani

Si narra che, durante l'interminabile regno del terribile drago Smaug, le ormai fredde e polverose sale del regno di Erebor, precedente dimora del glorioso Re sotto la Montagna, traboccassero di tesori. Sfavillanti gemme preziose, ragguardevoli diamanti incastonati in sfarzosi gioielli, scintillanti coppe dei metalli più nobili, impareggiabili armature di pregiato Mithril; e una quantità spropositata di monete, d'oro, d'argento e di rame.

Come ho ormai affermato innumerevoli volte nei miei post, ho un debole per i fidget, ovvero tutti quegli oggettini, preferibilmente metallici, da tenere in mano mentre passeggio o sto guardando la TV. Tra questi ci sono le monete. Ne ho di tutti i tipi, partendo da alcune commemorative di Star Wars fino ad arrivare a quelle per la promozione elettorale dell'improbabile secondo mandato di Donald Trump1Cosa ci vuoi fare, ho un debole per il trash imbarazzante (e ti ho risparmiato il retro, dove ci sono pose veramente agghiaccianti). :), un regalo di Natale totalmente idiota ma altamente apprezzato. :D

Era il periodo in cui ho cominciato a disegnare mappe e contratti, e cercavo qualcosa per comporre un piccolo angolino di Terra di Mezzo sullo scaffale della mia libreria, che già ospitava la meravigliosa casa Baggins Lego. Col tempo ne ho collezionate un po' e mi fa piacere mostrarle in questo articolo.

Tutte le monete sono state fotografate più o meno dalla stessa distanza, e sono pertanto in proporzione. Se le vedi piccole, sono piccole; se le vedi grandi, sono grandi.

Cominciamo…

La Numero Uno!

Questo scintillante Scellino ovviamente non può essere stato forgiato dai Nani di Erebor, ma è proprio grazie a lui che l'intera Terra di Mezzo ha potuto prendere vita; per questo mi è particolarmente caro.

Puoi leggere l'interessantissima storia in questo post.

La moneta di Smaug

Si tratta di una moneta commemorativa che hanno regalato2Io non c'ero, me la sono dovuta comprare su Ebay! ai partecipanti del Comic-Con 2013 a San Diego in California, in occasione della presentazione del secondo capitolo della trilogia di Peter Jackson sullo Hobbit.

Il testo, in caratteri nanici dice:

Minted under the rule of Thrór — 2770 T.A.

Ovvero:

Coniata sotto il regno di Thrór – 2770 T.E.

La data3T.A. / T.E. = Third Age / Terza Era corrisponde all'invasione di Erebor da parte di Smaug. In sostanza Thrór, nonno di Thorin, ha fatto appena in tempo a creare una moneta per celebrare il proprio regno, apponendoci l'anno in cui l'ha perso.

Che culo!

The Noble Collection

Monetona

In concomitanza con l'uscita al cinema dello Hobbit di Peter Jackson, sia la Weta che Noble Collection hanno prodotto un set di cinque monete ispirate al regno di Erebor. Io naturalmente me le sono perse, insieme a tante altre cose che poi ho dovuto recuperare. Ma il prezzo del set è arrivato a superare i 50 euro e, in tutta sincerità, non me la sentivo di spendere così tanto per dei semplici pezzettini di metallo, nemmeno poi così straordinari.

Il caso ha voluto che due di queste monete, le più grandi, siano state in seguito incluse all'interno di qualche edizione speciale della trilogia cinematografica. Le ho trovate vendute da sole su ebay a 5 euro, spedizione compresa, e non me le sono lasciate sfuggire.

Questa rappresenta da un lato il volto di un Nano, forse Durin, e dall'altra uno strano animale che potrebbe essere un cinghiale.

Monetina

La seconda moneta della Noble Collection. Altro faccione di Nano e, sul retro, un'Aquila.

Dollaro delle Poste neozelandesi

La Nuova Zelanda è un paese che molto furbescamente ha saputo sfruttare il successo dei film di Peter Jackson e ancora oggi, a cadenza più o meno annuale, sforna nuove monete e francobolli a tema.

Questa l'ho acquistata, credo, un paio di anni fa. Scrivo “credo” perché non trovo più alcuna ricevuta a riguardo, e sul sito web hanno già cancellato l'ordine, probabilmente perché è passato troppo tempo.

Ad ogni modo rappresenta Bilbo in procinto di leggere il perfido contratto dei Nani della Compagnia di Thorin (che si possono intravvedere sullo sfondo4Accidenti, questa moneta è così scintillante che è quasi impossibile fotografarla!). Proprio in quei giorni stavo completando la realizzazione del contrattone, per cui mi è sembrata una buona idea suggellare l'evento con un piccolo gadget.

Drawlab

Quasi tutte le monete che seguono sono state create da una prolifica azienda greca chiamata Drawlab. Mi sono imbattuto per caso nei suoi prodotti mentre facevo zapping tra i progetti Kickstarter, e ho aderito all'istante. L'arrivo del Covid ha rallentato a tal punto la produzione del materiale che ho finito per dimenticarmene. Un paio di giorni fa, dopo quasi un anno e mezzo dall'approvazione del progetto, è arrivato un misterioso pacco, con una tintinnante sorpresona all'interno.

In linea di massima, ogni gruppo tematico di monete ne contiene tre: una d'oro, una d'argento e una di rame. Naturalmente sono composte da qualche vile lega metallica minore, ma ne scimmiottano comunque il corretto schema cromatico.

Dwarven

il primo set è quello dei Nani.

Dwarven Gold coin

La prima moneta rappresenta il volto di un guerriero Nanico, con alcune rune che corrono tutto intorno alla circonferenza. Sul retro troviamo una sorta di tribale che sembra rivelare un gruppo di uccelli, forse Aquile rappresentate in modo molto schematico.

Dwarven Silver coin

La moneta d'argento mostra una grande ascia bipenne con quella che credo essere la Luna sullo sfondo. Altre scritte runiche adornano il bordo esterno. In tutta franchezza mi sembrano puramente estetiche anche perché, a ben guardarle, risultano orientate nel verso sbagliato, come se fossero riflesse in uno specchio.

Sul retro abbiamo una sorta di croce ornamentale.

Dwarven Copper coin

La moneta di rame è caratterizzata da un grosso martello da guerra, alcuni fulmini e le solite rune tarocche. Sul retro una specie di mandala, che potrebbe anche rappresentare Arda.

Forged Dwarven

Tutte le monete di Drawlab vengono classificate per Stagione: ogni anno l'azienda crea un progetto Kickstarter proponendo le nuove uscite, e ogni volta riesce a migliorare le tecniche di produzione per creare prodotti sempre più elaborati. Quelle dei Nani che abbiamo visto finora, appartenevano alla Stagione 1, e sono quindi state le prime.

Ora vedremo altre monete dei Nani, ma appartenenti alla Stagione 6: sono quindi arrivate cinque anni dopo. Il termine "Forged" indica una tecnica di realizzazione che le rende più tridimensionali e massicce. Sono così belle che ne ho ordinate due di ogni tipo.

Forged Dwarven Gold coin

Sulla parte frontale della moneta d'oro c'è una schematica rappresentazione del volto di un guerriero Nanico, con alcune decorazioni sullo sfondo. Sul retro troviamo rappresentato uno scudo con due martelli da guerra incrociati, e le solite rune capovolte.

Forged Dwarven Silver coin

Sul lato frontale un incazzatissimo Nano, sul retro una splendida ascia da guerra di fronte a quello che potrebbe essere un grosso portone. Probabilmente l'ingresso di Erebor.

Forged Dwarven Copper coin

Un robusto elmo da guerra spicca sul davanti della moneta di rame, mentre sul rovescio domina una grossa incudine. Alcuni arabeschi adornano la moneta su entrambi i lati

Dragon

Anche questo set appartiene alla prima Stagione, per cui risulta più piatto rispetto alla serie Forged. Non è presente la moneta d'argento perché non mi piaceva e non l'ho presa.

Dragon Gold coin

Un grande Drago si erge maestoso sul lato principale, avvolgendosi intorno alle proprie spire. Sul retro, forse, c'è la rappresentazione di una foresta.

Dragon Copper coin

Altro imponente Grande Verme alato sulla parte frontale e un incrocio tra un mandala e un tribale sul lato posteriore.

Forged Dragon

Altro set della sesta stagione. Come puoi vedere i rilievi risultano più marcati ed elaborati rispetto ai precedenti.

Forged Dragon Gold coin

Un piccolo Draghetto sul davanti e un Dragone non alato di guardia a un uovo sul retro.

Forged Dragon Silver coin

La testa di un grande Drago munito di inquietanti spuntoni sul lato principale. Sull'altro un mostro alato completo di corpo.

Forged Dragon Copper coin

Meraviglioso primo piano di Smaug. Uno schematico Dragone si muove sinuosamente sul retro.

Orc

Esauriti i Draghi, passiamo alle monete degli Orchi. Manca quella d'oro, che inizialmente non mi piaceva ma poi mi sono pentito di non aver comprato. Pur appartenendo anche loro alla prima Stagione, sono monete più spesse della media e caratterizzate da un profilo molto irregolare. Ben si adattano allo stile rozzo e spartano di queste selvagge creature.

Orc Silver coin

Una grossa testa di Lupo (o, più propriamente, un Mannaro) domina l'intero lato principale. Raccapriccianti incisioni nella Lingua Nera5Non è davvero Lingua Nera, ma mi piace pensare sia una sorta di variante dialettale usata nelle terrificanti caverne nel cuore delle montagne. adornano il secondo lato, mentre un inquietante simbolo, che potrebbe rappresentare schematicamente la testa di un animale, si erge al centro.

Orc Copper coin

Il teschio di un corvo e due coltelli incrociati caratterizzano la moneta di rame. Altre scritte in Lingua Nera sul dorso.

Medieval

Mi piace pensare che queste monete appartengano agli uomini, e siano state utilizzate a Rohan e Gondor. Fanno parte anche loro della Stagione 1.

Medieval Gold coin

Scritte incomprensibili ma dal retrogusto latineggiante; una corona, che potrebbe essere quella del Re di Gondor, con un grande leone che regge una pianta (forse l'albero bianco) e una grande croce e altri quattro felini che, mi accorgo solo adesso, ho fotografato al contrario.

Medieval Silver coin

Altro possente Dragone sul verso principale. Croce con alcuni cerchietti che potrebbero rappresentare una mappa territoriale. Grandi scritte tutto intorno.

Medieval Copper coin

Un robusto cavaliere a cavallo, forse appartenente ai Rohirrim. Un non ben identificato animale selvaggio bilancia il lato opposto.

Pirate

Altro set della prima Stagione, che è stata molto generosa. C'è soltanto la moneta d'oro, e vorrei tanto aver preso anche le altre due. Vedremo se in futuro riuscirò a rimediare.

Pirate Gold coin

Attribuisco questa moneta ai Corsari di Umbar. Tra l’anno 1600 e il 1800 della Terza Era ci sono stati svariati tumulti nel sud della Terra di Mezzo, per cui la data riportata è coerente. Minaccioso teschio con sciabole incrociate da una parte, una sorta di bussola / rosa dei venti dall'altra.

Forged Cultist

Ennesimo set appartenente alla sesta Stagione. Non ho ignorato le altre, comprese tra la seconda e la quinta; ma riguardavano temi specifici che mal si adattavano alla Terra di Mezzo (Romani, Egiziani, Giapponesi, Zombie, Alieni, ecc.).

Forged Cultist Gold coin

Ammetto che questo tema è un po' borderline, si adatterebbe forse più al genere Cthulhu che al fantasy di Tolkien. Ma ho immaginato che i regni a sud est di Mordor (lo sconosciuto Khand) potessero magari ospitare popoli dediti a qualche sorta di magia o religione non ben identificata.

Una creatura simile a un Beholder occupa il lato principale, mentre un disegno di tipo tribale decora quello opposto.

Forged Cultist Silver coin

Che poi, in fondo, il famoso Osservatore del lago di Moria potrebbe anche essere il soggetto della rappresentazione su queste monete. Non lo abbiamo mai visto per intero e ignoriamo la sua struttura fisica completa. Anche qui un mostro tentacolare si contorce all'interno della moneta. Sul retro potrebbe esserci un'altra rappresentazione semplificata della stessa creatura.

Forged Cultist Copper coin

Una sorta di mummia con tentacoli o serpenti davanti, altro mostro con occhi e tentacoli dietro.

Wizard

Finalmente abbiamo una moneta che appartiene alla Stagione 3. Si tratta del set dello stregone. Però ho ritenuto plausibile soltanto la moneta d'oro. Le altre non mi piacciono tuttora.

Wizard Gold coin

Non so se Gandalf potesse avere una moneta fortunata in tasca ma, se davvero lo facesse, me la immaginerei così.

A dirla tutta esisteva anche un set degli Elfi ma, pur essendo coerente col popolo immaginato da Tolkien (ci sono alberi, archi e uccelli), non ce lo vedevo proprio Elrond andare al supermercato col portamonete. Ho sempre immaginato il loro commercio basato sullo scambio e non sulla valuta.

Adventure Weapons

Tecnicamente queste non sono monete ma token. Sì ma cos'è un token? Ho acquistato questo mezzo chilo di metallo perché vorrei inserirlo all'interno di un piccolo forziere (che devo ancora trovare) da tenere vicino alla mia collezione di libri e gadget di Tolkien; ma in realtà questi sono oggetti che gli appassionati di giochi di ruolo acquistano per sostituire le bruttissime monete di cartone dei giochi in scatola con qualcosa di più realistico. I token possono essere visti come delle pedine, che so… i segnalini del Monopoly per capirci. Magari per tenere il conto dei punti vita, o potrebbero rappresentare le armi equipaggiate dai diversi personaggi e così via.

Li ho presi perché sono il non plus ultra della tridimensionalità, una piccola meraviglia, e infatti costano il doppio delle altre monete.6Due sterline, invece di una. :)

Hammer Token

Un grosso martello da guerra si erge al centro di un anello. Contrariamente a quelle sulle altre monete, le scritte presenti su questi token hanno un senso compiuto. Il testo recita:

Et vos sentire iram Dei nostri forti.

È latino, e significa:

E sentirete l'ira del nostro possente Dio.

Non ho idea se sia o meno una citazione famosa perché non trovo nulla di simile su Internet.

Axe Token

In questo caso la scritta è in inglese:

Warriors don't show their heart until the axe reveals it.

Ovvero:

I guerrieri non mostrano il loro cuore finché l'ascia non lo rivela.

Broadword Token

Il testo di quest'ultimo token è nuovamente in latino:

Gladio peribunt hac morte morieris.

Il significato è più o meno questo:

Morirai sicuramente (a causa) di questa spada.

The Witcher

Quelle che seguono sono monete ufficiali di the Witcher, prodotte e rilasciate dalla stessa software house che ha creato i giochi.

Cursed coin

Questa minuscola monetina era inclusa in una edizione speciale di The Witcher 2, e veniva impiegata in una missione del gioco. Direi che potrebbe benissimo essere annoverata tra le ricchezze dei Corsari di Umbar, rozza gente di mare dedita alla pirateria.

Geralt di Rivia

Le meravigliose monete che seguono sono presenti come bonus nei dadi ufficiali venduti sullo shop di CD Project Red (i creatori del videogioco The Witcher).7Ma anche su Amazon.

Ciri(lla)

I personaggi sono cinque, e il costo di un singolo set è attualmente compreso tra i 20 e i 40 euro (ogni personaggio ha differenti varianti di dadi, più o meno belle.

Yennefer di Vengerberg

L'idea di spendere 150 euro in dadi (che me ne faccio di trentacinque dadi?) non mi faceva impazzire. Anche perché io volevo solo le monete!

Triss Merigold di Maribor

Mi sono perciò incaponito sulle varie piattaforme di vendita, alla ricerca di qualcuno che magari voleva i dadi e non gliene fregava nulla delle monete e se ne volesse disfare. Sono così incappato in un meraviglioso sito polacco (la patria dello Witcher, dopotutto) chiamato Q-Workshop che, con mia grande sorpresa, vendeva le monete singolarmente.

Dandelion (Ranuncolo)

E così, più o meno al costo di un singolo set di dadi, ho ottenuto tutte le monete che volevo. :)

Bonus: Ancient greek coin sex positions

Ok, questa non la tengo insieme alle monete di Tolkien. ;)

L'ho acquistata su Ebay alcuni anni fa per fare un regalo stupido a un amico. Poi è arrivata, mi è piaciuta e l'ho tenuta per me. Apparteneva a una serie di cinque o sei monete con rappresentazioni (diciamo) artistiche di posizioni sessuali piuttosto esplicite e divertenti, rappresentate nello stile dell'antica Grecia.

Sono durate un soffio e poi sono sparite per sempre, peccato.

Poi, magari anche i Nani, nel buio delle loro fredde sale sotto le montagne, non disdegnavano simili passatempi; ma, in merito alla questione, non è mai giunta voce fino a noi. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »