Rompicapo nella Terra di Mezzo

Adesso che penso di aver praticamente terminato tutte le mappe che volevo realizzare, ogni tanto mi spremo il poco cervello che ho su come renderle più stimolanti e creative. Un pensiero che da qualche tempo mi ronzava in testa era l'idea di farci un puzzle.

Ho scoperto che Ravensburger, azienda leader per questo genere di passatempi, ha da qualche tempo un apposito sito web per creare puzzle personalizzati utilizzando le proprie foto. I prezzi non sono popolari – proprio per niente – ma, a pensarci bene, non è che se ne ordina uno al giorno; si tratta di qualcosa di speciale, come la foto di un momento felice coi propri cari, che verrà appeso alla parete come un quadro prezioso. Quindi il prezzo un po’ salato ci sta.

Dopo circa due o tre settimane dall'ordine è arrivata la scatola dalla Germania. Non si può certo definire una bellezza e non è praticamente personalizzabile; se non scegliendo un titolo e uno tra gli scarni temi grafici.

Ho optato per la composizione natalizia, che mi sembrava la meno peggio. Avrei preferito avere l'immagine su tutta la superficie, o perlomeno la possibilità di poter disegnarne una ad hoc ma, hey, alla fine è soltanto una scatola.

Ravensburger parla di qualità premium, ovvero la stessa delle sue produzioni commerciali. Io che sono pignolissimo devo dire che il risultato è molto buono, ma le stampe che produce la mia tipografia di fiducia sono di maggior qualità. Certo, si tratta di un sistema produttivo differente, su carta diversa (che in questo caso deve essere anche molto resistente), per cui le variabili sono infinite.

Era solo per puntualizzare. :)

Veniamo dunque al punto debole della mia geniale idea. :)

Il soggetto del puzzle è la mia più recente Mappa della Terra di Mezzo Watercolor, nella variante con i percorsi dei personaggi dello Hobbit e del Signore degli Anelli. Non ero del tutto certo che i dettagli più minuti, come le scritte più piccoline, sarebbero stati resi in modo adeguato. Invece è tutto perfettamente leggibile.

Meno male!

Ciò che non avevo considerato è che si tratta di una mappa e, in quanto tale, ha parecchio mare e numerose parti senza alcun dettaglio. A dirla tutta sia l'oceano che il terreno li ho disegnati con la tecnica dell'acquerello per cui non sono completamente uniformi, ma una parte delle delicate sfumature non si notano (nelle mappe della tipografia sì, anche perché sono stato per mesi a fare prove di stampa fino a quando non ho identificato i colori e il tipo di carta migliori) e risultano di fatto monocromatiche.

Basta osservare la foto qui sopra: centinaia di tasselli blu scuro e centinaia di tasselli bianchi/giallini/marroncini. Ammetto di aver provato un po' di panico: e se non fossi stato in grado di assemblare il puzzle perché troppo difficile? Perché, insomma, ricorda molto quelli speciali di difficoltà estrema, fatti apposta per gli assemblatori esperti, che, invece di una foto, hanno un foglio completamente bianco.

Vabbè, mi sono detto, almeno proviamoci. E ci ho provato.

Per esperienza (e la mia esperienza in fatto di puzzle risale agli anni '80/'90) sapevo che per prima cosa dovevo dividere le tesserine (hanno un nome specifico?) per colore, dopodiché si selezionano quelle lungo bordi e si crea la cornice. Da lì in poi è tutta salita. :)

Questa è la situazione al termine del primo giorno. Mi sono buttato subito sulle cose facili, come la rosa dei venti, le scritte più grandi e la legenda dei percorsi. Sapevo che le montagne da scalare sarebbero arrivate dopo, col mare (che, davvero, mi terrorizzava) e, per l'appunto, le montagne vere e proprie, tutte così simili tra loro.

Mi hanno molto aiutato i nomi dei luoghi, benché il più delle volte presentavano una sola lettera per tesserina, e potevano appartenere a qualsiasi scritta.

Le foreste sono state la cosa più semplice, anche perché avevo ben distinto quella di Lórien, con i suoi Mallorn dorati, e quella di Fangorn, ai cui alberi avevo assegnato un colore più scuro.

Bosco Atro è stato impegnativo ma non impossibile.

Oggi siamo al quarto giorno e mi trovo a questo punto.

Il mare, come previsto, è stato complicato. Ha richiesto da solo almeno due giorni di lavoro. Tutto il resto è venuto piano piano, ma non è stata una passeggiata.

Il puzzle sembra quasi finito, in realtà c'è ancora tantissimo da fare. Mi sono rimaste tutte le tesserine bianche e so già che sarà un incubo, perché non c'è logica che tenga: come per il mare ci saranno punti in cui bisognerà provarle tutte finché non salterà fuori quella giusta.

D'ora in avanti me la prenderò comoda. Avevo fretta di mettere insieme qualcosa per poter scattare una manciata di foto e dare un'idea del prodotto finale, ma adesso procederò con calma. Non mi corre dietro nessuno (se non nuove idee).

Quando la mappa sarà conclusa aggiungerò un po' di foto più dettagliate, qualità del mio telefonino permettendo.

Ah, dimenticavo, le dimensioni: 80 x 60 cm, la stessa identica delle mie mappe grandi (per questo mi sono convinto molto in fretta a comprarlo), per 1.500 pezzi.

Curiosità: Il plurale di "rompicapo" è sempre "rompicapo". Si può usare anche "rompicapi" ma è arcaico non suona molto bene. Il titolo l'ho inteso come plurale anche se, a tutti gli effetti, è soltanto uno.

Piccolo quiz senza premi: Osservando l'immagine di apertura dell'articolo, quanti nomi di luoghi della Terra di Mezzo riesci a identificare? :)

Aggiornamento: 5 Febbraio 2023

Il sesto giorno Dio creò l'uomo. Io, che rimango umile, mi sono limitato a plasmare oceani, montagne, foreste e pianure e a portare a termine questa impegnativa ma divertente avventura.

Di seguito una veloce galleria di immagini dettagliate:

La Contea, in cui tutto è cominciato

L'ultimo tassello, quello con la scritta Hobbiville, l'ha inserito Mian, perché non riuscivo proprio a trovare la giusta collocazione. :)

Lórien e Bosco Atro

Le foreste della Terra di mezzo ne loro multicolorato splendore.

Rohan

Desti ora, desti, Cavalieri di Théoden!
Terribili eventi nell’oscuro Oriente.
Sellate i cavalli, suonate le trombe!
Avanti Eorlingas!

Il Signore degli Anelli

Incorniciata e appesa al posto della precedente stampa. :)

2 pensieri su “Rompicapo nella Terra di Mezzo

  1. Che dire! Sei una fonte interminabile di idee. E che idee. Poter ricostruire tutti i luoghi, le montagne, i fiumi, i boschi del nostro mito. Sei il cartografo N°1 della Terra di Mezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »