Le mie mappe della Terra di Mezzo

Nota: Siccome col tempo torno sempre a rimettere mano alle mie mappe, ti consiglio di leggere anche questo articolo, che sarà sempre aggiornato a riguardo.

Nella mia continua ricerca di perfezionismo torno spesso a modificare i vecchi lavori, a volte mettendo a frutto nuove idee, altre volte ridisegnando qualche dettaglio oppure rifacendo tutto da capo.

Da quando ho realizzato la mia personale interpretazione della mappa della Terra di Mezzo ho scritto almeno quattro articoli su questo sito, col risultato che adesso non si capisce più niente, perché ognuno ha immagini di mappe con dimensioni e interpretazioni differenti. Ho pertanto deciso di unificare tutto in un unico post, che aggiornerò di volta in volta in modo che possa contenere unicamente le versioni più attuali.

Per questa mappa ho previsto due dimensioni, una media e una molto grande. Questo è il rapporto tra di loro:

Di seguito le vediamo più nel dettaglio.

Indice

Mappe grandi

Sono grandi, 80 x 60 centimetri, misura scelta perché standard: si possono trovare ovunque cornici già pronte che le possano contenere perfettamente. In questo modo si risparmiano un sacco di soldi perché, a farle realizzare su misura, vengono a costare molto più delle mappe stesse.

Sono disponibili in quattro varianti grafiche:

Versione monocromatica

È basata principalmente su due colori, il nero per gli elementi e il cremisi per la nomenclatura. È pensata per una comoda consultazione e l'alto contrasto la rende al tempo stesso confortevole da leggere e le conferisce un look lievemente antico.

Versione a colori

I vari elementi della mappa sono colorati: foreste, fiumi, laghi, mare, percorsi. Lórien, per esempio, è formata da alberi di mallorn dorati. Inoltre la colorazione dei nomi segue la seguente logica: quelli delle regioni principali sono in rosso, mentre fiumi, città, montagne, ecc. sono di un colore prossimo al marroncino, a meno di non essere luoghi interessati dalla storia principale del Signore degli Anelli o dello Hobbit; in tal caso saranno anch'essi evidenziati in rosso per risaltare maggiormente durante la lettura.

Versione vintage

Una particolare edizione ispirata alle vecchie mappe dei secoli scorsi. I colori sono più tenui e la carta presenta segni di invecchiamento e piccoli danni qui e là provocati da stropicciamento e fuoco (virtuali eh! nessuna mappa è stata maltrattata durante la realizzazione). Ma l'intera carta geografica rimane chiara e confortevole da consultare.

Versione Astrolabio (RED)

Fortemente ispirata alla mia precedente RED Edition, eredita tutte le migliorie delle nuove versioni, pur mantenendo la nomenclatura originale della prima traduzione italiana (a opera della sola Vittoria Alliata di Villafranca, senza le modifiche di Quirino Principe) dell'Astrolabio.

Tripla nomenclatura

Sono disponibili sia con la nomenclatura classica Alliata/Principe che con quella nuova di Ottavio Fatica, e gli elementi grafici (per esempio gli alberi della foresta di Mirkwood) seguono il contorno delle scritte.

Ma ne ho realizzata anche una con entrambi i nomi (disponibile, naturalmente anche a colori e vintage, il che porta il totale delle varianti a 9 mappe). È basata sulla più recente traduzione, perché è ormai quella standard ma, ove necessario, ho inserito anche la controparte Alliata/Principe:

In questo modo diventa universale e può essere utilizzata con qualsiasi edizione italiana del Signore degli Anelli.

Non ho optato per una corrispondenza 1:1. Per capirci, ho aggiunto "Bosco Atro" sotto "Boscuro" o "Terre Selvagge" sotto "Selvalanda" (che, per inciso, non si può sentire), ma non "Colli Ferrosi" sotto "Colline Ferrose" o "Cancelli di Moria" sotto "Porta di Moria", oppure "Breccia di Rohan" sotto "Varco di Rohan". Insomma, solo ciò che davvero serviva, altrimenti diventava un guazzabuglio di scritte infinite.

Un aspetto sul quale ho particolarmente concentrato gli sforzi riguarda il mare (e le superfici d'acqua in generale, come anche i laghi), perché tutti i precedenti tentativi non mi hanno mai soddisfatto. Inizialmente era bianco, poi l'ho reso più scuro ma di colore uniforme e in entrambi i casi sembrava troppo monotono. Infine ho disegnato varie linee lungo le coste e le ho di seguito estese fino a coprire l'intera superficie. Ma niente, il risultato finale non mi piaceva. Con l'arrivo della versione vintage ho trovato la soluzione: onde!

Era l'effetto che cercavo, e che crea una sorta di dinamismo senza risultare troppo invasivo. È stato un lavoraccio perché in prossimità della costa e intorno alle isole e alle scritte doveva interrompersi, ma in modo organico.

Ho quindi esteso l'effetto anche alle altre due versioni, benché con un bilanciamento cromatico differente e più adeguato ai differenti stili.

Aggiornamento: 31 Agosto 2022

Ho rifatto le onde concentriche, e questa volta sono venute molto meglio. Da oggi questa variante, disponibile anche per le versioni a colori e vintage, sarà disponibile come opzione. :)

Ho aggiunto il Nero Cancello. Curiosamente era presente sulle mappe più piccole (vedi sotto) ma non su quelle grandi.

Come ho già scritto in precedenza, nella versione vintage e in quella a colori gli alberi di Mallorn della foresta intorno a Caras Galadhon sono rappresentati con sfumature di rosso e arancione, a simulare il colore dorato.

Altra novità è la presenza della didascalia e della scala delle distanze.

Se vuoi leggere qualche informazione in più sulla nascita di queste mappe ti rimando a questo vecchio articolo; riguarda le prime mappe che ho disegnato, e che non sono più disponibili, ma contiene molti dettagli interessanti.

La Supermappa

È un'edizione molto speciale, perché contiene tutti i percorsi intrapresi dai principali personaggi dello Hobbit e del Signore degli Anelli, corredati da note cronologiche che illustrano gli avvenimenti accaduti durante il corso della storia (in seguito, da questa idea, è nato anche un piccolo libretto).

È disponibile con la doppia nomenclatura Alliata/Principe e Fatica o soltanto con quella Alliata/Principe.

Trovi tutte le informazioni in questo articolo.

Mappe medie

Le mappe medie della Terra di Mezzo sono 50 x 35 centimetri. Le ho create con il doppio scopo di poterle esporre o piegarle e inserirle all'interno dei libri del Signore degli Anelli, spesso per supplire alla mancanza di cartine di qualità, in particolare nelle edizioni più recenti del libro (quelle anni '70-'80, al contrario, erano molto belle, e stampate su carta spessa, anche se soggette a ingiallimento nel tempo).

Come le sorelle maggiori sono disponibili in quattro varianti, e sono perfettamente identiche, solo più piccole. Le utilizzo all'interno dei SET.

Come per le sorelle maggiori è possibile scegliere tra la nomenclatura Alliata/Principe e Fatica, e i tre differenti stili: monocromatica, a colori e vintage.

Ultimamente si è aggiunto un quarto stile, il Watercolor. La rappresentazione grafica dei territori è differente, ma è comunque una mappa della Terra di Mezzo.

Bene, spero di essere riuscito a fare un po' più di chiarezza su tutte le mie mappe della Terra di Mezzo. :)

Se desideri averne una copia, posso realizzartela su ordinazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »